home | Generale | Corso Grosseto, i lavori, il Comune e una lettera che non spiega nulla. Confesercenti: subito gli sgravi ai commercianti danneggiati dai cantieri, ingiustificato il rifiuto dell’amministrazione

Corso Grosseto, i lavori, il Comune e una lettera che non spiega nulla. Confesercenti: subito gli sgravi ai commercianti danneggiati dai cantieri, ingiustificato il rifiuto dell’amministrazione

24 novembre 2017

Torino, 24 novembre 2017 – “È grave, ingiustificabile e inaccettabile il rifiuto del Comune di concedere gli sgravi fiscali 2017 (Tari, Cosap, tassa insegne) ai commercianti della zona di corso Grosseto interessata dai lavori di abbattimento del cavalcavia e di realizzazione del collegamento Torino-Ceres”: così Giancarlo Banchieri, presidente di Confesercenti giudica la risposta giunta dal Comune alla richiesta avanzata oltre un mese fa dall’associazione.

“Le spiegazioni del Comune in realtà non spiegano nulla. Nella lettera – racconta  Banchieri – ci viene detto che la concessione di sgravi è possibile solo in caso di lavori di durata superiore a sei mesi ‘nel corso dell’anno’ e che questo non è il caso di corso Grosseto. In realtà, la normativa parla di lavori di durata superiore a sei mesi a prescindere dal periodo dell’anno in cui essi si collocano. Ed è ovvio che sia così: facciamo l’ipotesi di lavori superiori  sei mesi che vengano però svolti – ad esempio – tre mesi alla fine di un anno e quattro mesi all’inizio dell’anno successivo. In questo caso – secondo il comune – gli sgravi non dovrebbero esserci, mentre il danno per i commercianti ci sarebbe di sicuro, ovviamente. A meno che in Comune non siano così abili da far iniziare d’ora in poi qualsiasi cantiere il 1° gennaio di ogni anno; o, forse, ‘spezzettare’ i cantieri risparmiando sugli sgravi è un modo per tentare di salvare il disastrato bilancio comunale

Una grandissima preoccupazione è emersa dall’assemblea svoltasi ieri sera alla quinta circoscrizione, durante la quale i commercianti hanno lamentato disagi sempre crescenti dovuti alle difficoltà di accesso alla zona e alla mancanza di parcheggi per coloro che vi si recano. “Stiamo parlando – dice Banchieri – di oltre 200 aziende fra ambulanti, negozi e pubblici esercizi che hanno già perso tanti incassi e per i quali si prospetta un Natale disastroso. Confesercenti continuerà a essere al loro fianco contro un’amministrazione sorda alle loro esigenze e che pensa di cavarsela con l’invio di una lettera.

“Dunque – conclude Banchieri – invitiamo nuovamente il Comune a procedere immediatamente alla concessione degli sgravi per il 2017 e a disporre nei tempi più rapidi possibili l’iter per quelli del 2018. E chiediamo l’istituzione di un tavolo al quale siano presenti le rappresentanze dei commercianti, il comune e i responsabili dei lavori: esso – oltre a rappresentare un indispensabile strumento di informazione, che finora è mancato – potrebbe essere un utile strumento per affrontare e risolvere – con il coinvolgimento di tutti i soggetti interessati – le criticità attuali e future nello svolgimento dei lavori”.