home | Generale | LIBRERIE – Credito fiscale, necessario affrettarsi: la scadenza per presentare la domanda è il 30 settembre. Non va persa una buona occasione per risparmiare sulle imposte

LIBRERIE – Credito fiscale, necessario affrettarsi: la scadenza per presentare la domanda è il 30 settembre. Non va persa una buona occasione per risparmiare sulle imposte

12 settembre 2018

Si avvicina rapidamente la scadenza del 30 settembre, entro la quale le librerie dovranno registrarsi al portale https://taxcredit.librari.beniculturali.it/ per ottenere il credito fiscale. Si tratta di una occasione da non  perdere poiché si può ottenere un credito d’imposta parametrato agli importi pagati a titolo di IMU, TASI e TARI con riferimento ai locali dove si svolge la medesima attività di vendita di libri al dettaglio, nonché alle eventuali spese di locazione.

Il sistema funziona bene ed è davvero semplice e intuitivo e invitiamo tutti a procedere in autonomia. Nella pagina della GUIDA AGGIORNATA si trovano le linee guida e i documenti e le informazioni fiscali necessarie alla compilazione.
L’unica formalità che va richiesta all’esterno è la firma digitale, per la certificazione, da parte del responsabile fiscale della propria azienda, dei tre documenti, che vengono emessi dal sistema dopo la compilazione.
Per le librerie associate al Sil in regola con la tessera Confesercenti 2018, e che tengono la contabilità presso la propria sede Confesercenti, le tre certificazioni verranno emesse dal Caaf nazionale di Confesercenti.
Per chi fosse interessato a conoscere il servizio offerto dal Caaf nazionale e le tariffe, può scrivere a sil@confesercenti.it.

Il credito d’imposta privilegia le librerie indipendenti: ecco quali sono i parametri per ottenerlo

I fondi previsti dal credito d’mposta verranno elargiti fino ad esaurimento andando per ordine come indicato nel decreto ministeriale che ha istituito il credito fiscale: la priorità verrà data alle librerie che il 30 settembre risultano sole nel proprio territorio, poi alle librerie che fatturano meno di 300.000 €, e via così per gli scaglioni successivi. Le librerie che rientrano nel sistema del franchising avranno una riduzione del 5% rispetto alle librerie indipendenti; le librerie (singoli punti vendita) che hanno nella compagine societaria un editore avranno una riduzione del 25%. Per tutte queste librerie il credito massimo sarà di 20.000 € (al lordo delle riduzioni sopraindicate).
Per le librerie di catena il credito massimo sarà di 10.000 € per punto vendita, ma con un tetto massimo globale.

 

—————————————————————————-