home | Generale | FISCO E LAVORO – Ecco le novità per le imprese del commercio, del turismo e dei servizi

FISCO E LAVORO – Ecco le novità per le imprese del commercio, del turismo e dei servizi

12 settembre 2018

FISCO

 

Bonus pubblicità – Si tratta di un credito d’imposta sull’incremento di almeno l’1% dei costi sostenuti dalle aziende per pubblicità rispetto all’anno precedente che varia dal 75% al 90% dell’incremento. Tale credito dovrà essere richiesto mediante istanza da presentare entro il 22 ottobre 2018 e riguarda gli investimenti in pubblicità fatti (sia su carta che online) dal 24 giugno 2017 al 31 dicembre 2017 per gli incrementi rispetto al 2016 e quelli fatti nel 2018 per gli incrementi rispetto al 2017. Chi volesse usufruire dei nostri servizi deve darne celere comunicazione al proprio referente contabile

> Deduzione costi carburanti – Per poter dedurre i costi carburanti e detrarre la relativa Iva, anche se la fatturazione elettronica è stata rinviata al 1 gennaio 2019, è obbligatorio, dallo scorso 1° luglio, pagare i rifornimenti di carburante con mezzi tracciabili (bancomat, carte di credito, etc).

> Credito d’imposta ai gestori impianti carburanti per i pagamenti Pos – Dallo scorso 1° luglio 2018 è stato concesso ai gestori impianti di carburanti un credito di imposta per il 50% delle commissioni addebitate per i pagamenti elettronici con carte di credito effettuati dai propri clienti.

> Slot e videolotterie – Variano le percentuali di tassazione (Preu):

19,25% e 6,25% dell’ammontare delle somme giocate, dal 1 settembre 2018 al 30 aprile 2019

19,60% e 6,65% dell’ammontare delle somme giocate, dal 1 maggio 2019

19,68% e 6,68% dell’ammontare delle somme giocate, dal 1 gennaio 2020

19,75% e 6,75% dell’ammontare delle somme giocate, dal 1 gennaio 2021

19,60% e 6,65% dell’ammontare delle somme giocate, dal 1 maggio 2023.

Per saperne di più: Confesercenti – Ufficio contabilità, 011-52201

 

LAVORO

 

> “Decreto dignità” – I contratti a termine che erano in corso alla data del 14 luglio possono essere prorogati o rinnovati, entro il 31 ottobre 2018, seguendo le vecchie regole (durata massima 36 mesi, cinque proroghe, assenza delle causali). Per i contratti stipulati per la prima volta dal 14 luglio 2018 si applicano le regole nuove (durata massima 24 mesi, quattro proroghe, obbligo delle causali dopo i primi 12 mesi). Il decreto dignità ha inoltre prorogato per gli anni 2019 e 2020 il parziale esonero contributivo a favore dei datori di lavoro che assumono a tempo indeterminato lavoratori che hanno compiuto i 35 anni di età.

> Nuovo contratto dei pubblici esercizi

Aster – Viene aumentato a 12 euro il contributo mensile a carico del datore di lavoro con le seguenti decorrenze 1 euro a partire da febbraio 2018 e 2 euro a partire da gennaio 2019

Rol – Per gli assunti dopo il 1 gennaio 2018 per i primi 2 anni spettano le 32 ore retribuite per le festività abolite; per il terzo e quarto anno verranno riconosciute ulteriori 36 ore di Rol e ai dipendenti degli stabilimenti balneari ulteriori 38 ore e dal quinto anno al lavoratore verrà riconosciuto il 100% dei permessi contrattualmente previsti.

Scatti di anzianità – Viene introdotta un’importante novità nella maturazione dei 6 scatti di anzianità che passa da triennale a quadriennale, salvaguardando il solo scatto in maturazione al 31 dicembre 2017 che maturerà quindi ancora in 3 anni.

Per saperne di più: Confesercenti – Ufficio paghe e contributi, 011-52201